30.04.202011:57

Un nuovo modello per analizzare epidemia, restrizioni e scenari futuri

Il Politecnico ha partecipato con altre università allo studio pubblicato su Nature Medicine


È stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature Medicine un nuovo studio che propone un'evoluzione del modello di analisi dell'epidemia di COVID-19, delle misure di restrizione applicate in Italia e degli scenari futuri.

Ha partecipato allo studio il Politecnico di Milano, con il professor Patrizio Colaneri, del Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria, assieme a ricercatori del Policlinico San Matteo di Pavia e delle Università di Trento, di Udine e di Pavia.

Il modello proposto intende predire il corso dell'epidemia per pianificare una strategia di controllo efficace. Vengono considerati otto stadi di infezione: da qui il nome del modello, SIDARTHE. Distinguere tra casi diagnosticati e non diagnosticati ha evidenziato una distorsione nelle statistiche sulla malattia. L'esecuzione di un numero insufficiente di test, infatti, sottostima la velocità di trasmissione e sovrastima il tasso di mortalità.

I risultati dello studio suggeriscono che applicare misure di distanziamento sociale forti è urgente, necessario ed efficace: prima viene applicato il blocco, più forte è l'effetto ottenuto. I risultati del modello confermano anche i vantaggi dei test di massa, ogniqualvolta siano disponibili strutture. Nonostante le rigide politiche di isolamento, gli sforzi dovrebbero essere focalizzati sullo sviluppo di strategie terapeutiche più efficaci per combattere il COVID-19.

Giordano, G., Blanchini, F., Bruno, R. et al.
Modelling the COVID-19 epidemic and implementation of population-wide interventions in Italy.
Nat Med (2020)
Lo studio online: https://doi.org/10.1038/s41591-020-0883-7