22.05.202012:00

Premio europeo al restauro della basilica di Santa Maria di Collemaggio

Il Politecnico di Milano ha partecipato al progetto vincitore del Premio del Patrimonio Europeo / Europa Nostra 2020


La Commissione Europea ed Europa Nostra hanno annunciato i vincitori dell’edizione 2020 dei Premi del Patrimonio Europeo / Premi Europa Nostra, prestigioso riconoscimento nel campo della conservazione del patrimonio culturale a livello europeo.

Tra i vincitori di quest’anno figura il restauro dellaBasilica di Santa Maria di Collemaggio a L’Aquila nella categoria Conservazione.

La restituzione della Basilica di Santa Maria di Collemaggio alla città dell’Aquila, avvenuta nel dicembre del 2017, ha segnato un momento di fondamentale importanza nel percorso di rinascita seguito al tragico terremoto del 6 aprile 2009. Da quel disastro, la Basilica si è confermata nel suo ruolo di luogo simbolo, spazio di condivisione, celebrazione e commemorazione per la cittadinanza.

La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città dell'Aquila e i Comuni del Cratere ha curato la progettazione del restauro con il supporto di esperti di tre università italiane – Politecnico di Milano, Sapienza Università di Roma e Università dell’Aquila – e la direzione dei lavori, conclusi in soli due anni. L’intervento è nato dalla collaborazione tra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, la Diocesi e il Comune dell’Aquila (proprietario della basilica) che nel 2013 ha sottoscritto il protocollo "Ripartire da Collemaggio" con ENI in qualità di sponsor.

La giuria, assegnando il riconoscimento, ha evidenziato che

Questo progetto rappresenta pienamente la rinascita della città; il senso profondo di spiritualità e la partecipazione della comunità al progetto devono essere considerati come parte integrante dell’impresa. L’intero progetto prende le mosse da un accordo pubblico-privato, e ha visto il coinvolgimento di tre università. È stato fondato su un esemplare studio scientifico della vulnerabilità sismica dell’edificio.

I pilastri polilobati crollati sono stati ricostruiti come perno di un nuovo e più resistente schema strutturale, utilizzando per il rivestimento i blocchi lapidei recuperati dalle macerie. I pilastri ottagonali della navata sono stati rinforzati smontando e riassemblando quelli irreparabilmente danneggiati, sostituendo solo i blocchi gravemente compromessi e inserendo, ove necessario, barre filettate di rinforzo. Gli archi, le pareti e la copertura del transetto crollati sono stati interamente ricostruiti. Il pavimento danneggiato dal crollo e dal peso dei detriti è stato accuratamente ricomposto. L’organo barocco, distrutto dal crollo del transetto, è stato restaurato e ricollocato al suo posto; gli affreschi, risalenti ai secoli XIII-XV, sono stati protetti e restaurati, come anche gli altari in marmo e gli stucchi barocchi delle cappelle laterali.

Oltre al coordinamento dell’intero gruppo di supporto alla progettazione da parte del prof. Stefano Della Torre, il Politecnico di Milano ha dato il contributo di un ampio team interdisciplinare, che ha lavorato per il rilievo e la modellazione tridimensionale, l’analisi dinamica e le soluzioni di consolidamento, lo studio del cantiere anche attraverso simulazioni 3D, la progettazione di un innovativo sistema di riscaldamento sostenibile. Il progetto ha segnato una prima applicazione della modellazione digitale informativa nel campo del restauro.

Il restauro della Basilica di Santa Maria di Collemaggio ha richiesto non solo l’applicazione delle più avanzate metodologie di conservazione del patrimonio architettonico, ma anche una considerazione costante del ruolo che questa occupa nel contesto culturale della città dell’Aquila.

L’approccio multidisciplinare utilizzato nella considerazione delle conseguenze del disastro naturale sull’edificio sul suo contesto è un vero e proprio modello. È inoltre da rimarcare la previsione di un programma di manutenzione e monitoraggio costante. Il progetto si impone come paradigma di buona pratica da seguire nella conservazione di siti gravemente danneggiati in tutto il mondo.

Gli appassionati e i sostenitori del patrimonio culturale in tutta Europa e nel resto del mondo possono votare online per il loro progetto preferito, e contribuire a decidere a quale dei premiati andrà il Public Choice Award 2020, che verrà annunciato dopo l'estate.

Per saperne di più: Sito del progetto CollemaggioVideo

Foto: © SABAP-AQ su licenza CC BY-NC-SA 2.0