13.06.202210:30

Politecnico e Agenzia del Demanio insieme per progettare le Cittadelle Giudiziarie del domani

Siglata convenzione per definire criteri di progettazioni omogenei e di qualità


Il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano ha siglato una convenzione con l’Agenzia del Demanio per la cooperazione tecnico-scientifica al fine di individuare strategie, metodologie di intervento e linee guida per la progettazione di Cittadelle Giudiziarie da realizzare su tutto il territorio nazionale.

L’obiettivo della Convenzione è quello di delineare, in stretto coordinamento con il Ministero della Giustizia, scelte di indirizzo e di progetto improntate a principi di sostenibilità ambientale ed energetica che garantiscano qualità funzionale, tecnica e architettonica, resilienza ai cambiamenti climatici dei nuovi edifici della Giustizia, nonché la valorizzazione e la rigenerazione del contesto urbano di riferimento.

Il portafoglio immobiliare pubblico esistente da destinare alle attività giudiziarie verrà analizzato approfonditamente allo scopo di definire un approccio metodologico che tenga conto degli indicatori di impatto socio ambientali quali riferimenti per la progettazione e per interventi di riqualificazione innovativi e sostenibili. 

A partire dalla documentazione esistente, inoltre, sarà fatta un’analisi dei processi e delle funzioni da inserire nelle strutture, tenendo conto della dimensione organizzativa e delle esigenze spaziali relative alla tipologia delle Cittadelle Giudiziarie e dei Tribunali, da declinare in appositi indirizzi tecnici operativi di riferimento per una progettazione adeguata e di qualità nei differenti contesti. 

Le linee guida per la progettazione contempleranno anche interventi di rigenerazione urbana e di recupero, dove possibile, degli spazi aperti e delle aree verdi, secondo elevati standard di sostenibilità ambientale e paesaggistica.

Il ruolo del Politecnico di Milano, dunque, sarà quello di supportare l’Agenzia del Demanio nella definizione di criteri per una progettazione omogenea e di qualità, in un ampio intervento di valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico che, anche mediante l’impiego di risorse del PNRR, porterà alla realizzazione di Cittadelle Giudiziarie su tutto il territorio nazionale.