12.05.202015:30

Mascherine chirurgiche e dispositivi di protezione individuale

Il Politecnico ha portato a termine la propria attività di supporto ai produttori


Con l’ultima settimana di aprile, si sono chiuse le attività di supporto da parte del Politecnico per la riconversione alla produzione di mascherine/camici/DPI, che era strettamente vincolato al contesto emergenziale.

Durante i mesi di marzo e aprile, abbiamo effettuato oltre 400 test sui materiali per la produzione di maschere chirurgiche, e gestito oltre 2000 contatti con aziende di produzione di materiali e maschere. Alcuni dei risultati delle nostre analisi e la lista dei materiali verificati sono pubblicati a questa pagina.

Allo stesso indirizzo è pubblicata anche una procedura standard per la produzione delle maschere chirurgiche.

Se producete mascherine chirurgiche con i materiali elencati nella nostra Nota Tecnica, potete presentare domanda di produzione e commercializzazione in deroga presso l’Istituto Superiore di Sanità, come previsto dall'art. 15 del Decreto Cura Italia del 17 marzo 2020. Potete ottenere le schede con i risultati di prova da inserire nella domanda, direttamente dai produttori del materiale o dai vostri fornitori. Le schede emesse dal Politecnico di Milano vanno completate con le analisi di bioburden e di biocompatiblità. Un elenco di laboratori dove effettuare i test è fornito sempre nella Nota Tecnica.

Per la certificazione di maschere chirurgiche prodotte con materiali non presenti nella nostra Nota Tecnica, vi suggeriamo di seguire le indicazioni di Confindustria Dispositivi Medici all’indirizzo: www.confindustriadm.it/emergenza-coronavirus/ oppure scrivendo a regulatory(at)confindustriadm.it.

Nella stessa pagina è pubblicata una lista dei laboratori dove effettuare i test.

Per la certificazione di maschere DPI (FFP2 e FFP3), suggeriamo di contattare il centro ItalCert alla pagina www.italcert.it o all’indirizzo email italcert(at)italcert.it.