24.11.202212:00

MOST: si insedia l'Industrial Advisory Board

Monica Spada, di Eni, sarà Presidente dell’organo a supporto del CDA della Fondazione MOST


Alla presenza del Presidente Ferruccio Resta, si è insediato l’Industrial Advisory Board della Fondazione MOST, il CENTRO NAZIONALE DI MOBILITA’ SOSTENIBILE avviato dal PNRR per la ricerca e l’innovazione della mobilità e delle infrastrutture con la partecipazione delle principali realtà pubbliche e private del settore.

L’Industrial Advisory Board composto da Dario Ferrillo – Almaviva S.p.A.; Monica Spada – Eni S.p.A.; Ernesto Lasalandra – Ferrari S.p.A.; Giuseppe Coronella – Fincantieri S.p.A.; Riccardo Ferrari – FNM S.p.A.; Carmine Pappalettere – Intesasanpaolo S.p.A.; Pierpaolo Biffali - Iveco Group N.V.; Pierangelo Misani   - Pirelli Tyre S.p.A.; Alessio Torelli – Snam S.p.A.; Stefano Genovese – Unipolsai Assicurazioni S.p.A

avrà l’obiettivo di supportare il Consiglio di Amministrazione in merito agli indirizzi strategici di investimento (Proof of Concept, Acceleration grants, startup intelligence o Flagship) relativi a progetti ad alta innovazione. La partenza dei primi programmi è pianificata per il primo trimestre del 2023. 

L’Industrial Advisory Board ha scelto Monica Spada, Head of Research and Technological Innovation di Eni, come Presidente fino al 2026.

La Presidente ha commentato: "Sono molto orgogliosa di questo prestigioso incarico; ringrazio per la fiducia tutti gli illustri componenti del Board, con i quali supporteremo il CdA per il raggiungimento degli sfidanti obiettivi che la Fondazione si è prefissata. Il settore della mobilità sostenibile è chiamato oggi ad affrontare importanti e sempre più complesse sfide nel campo ambientale e della ricerca e sviluppo, per poter contribuire fattivamente al raggiungimento dei traguardi di sostenibilità e competitività a beneficio di tutti".

Il MOST, attraverso specifici programmi e attività di ricerca e innovazione, punterà a promuovere una “mobilità sostenibile” innovativa con nuove soluzioni leggere, nuovi sistemi di propulsione, carburanti a idrogeno ed elettrici e a rendere più sicuro il sistema di mobilità con prodotti e processi digitali per favorire la gestione intelligente, il monitoraggio e la manutenzione predittiva, riducendo gli incidenti mortali.
Tra gli obiettivi del Centro, la resilienza e l’efficienza dei sistemi di mobilità, con soluzioni e servizi per il trasporto pubblico e privato, la creazione di una mobilità personalizzata e accessibile per una nuova inclusione sociale, il supporto alla produzione di biocarburanti avanzati come uno degli strumenti per contribuire al contenimento delle emissioni di CO2 nel settore dei trasporti e il potenziamento della filiera, della competitività nazionale e della visibilità internazionale.