14.02.202417:15

Il Politecnico al Salone del Mobile.Milano

Il progetto “Salone-come-ecosistema” alla base del futuro Osservatorio del Salone del Mobile


Dal 16 al 21 aprile, presso Fiera Milano Rho, si svolgerà la 62a edizione del Salone del Mobile.Milano, che non solo riporterà il "bello" e il "ben fatto" su un palcoscenico unico per importanza internazionale ma lo farà con un approccio nuovo e sfidante, letteralmente "out of the box", condizione necessaria per innovarsi ed evolvere.

Evoluzione e innovazione sono le parole chiave di questa edizione del Salone del Mobile.Milano, che da evento fieristico si fa sempre più contesto e tessuto inclusivo, valoriale, responsabile per generare relazioni, narrative e progettualità rilevanti per la comunità del design tutto l'anno.

La nuova frontiera del Salone del Mobile.Milano è quella di essere ecosistema aperto ed esperienza capace di connettere e offrire molteplici visioni di futuro alla comunità del progetto.

Le Manifestazioni del 2024 raduneranno complessivamente più di 1.900 espositori, di cui 600 giovani talenti under 35 e 22 scuole di design.

Essere in una città dinamica e creativa come Milano, significa assumersi – in quanto centro di conoscenza e di formazione - la responsabilità di capirne i fenomeni più significativi, tra cui, certamente, la Settimana del Design. Il Politecnico di Milano, in questo progetto, agirà come connettore e facilitatore tra gli attori dell’ecosistema design (e non solo), per costruire – insieme – visioni e scopi comuni. È l’esempio di una buona pratica che attiva il dialogo tra istituzioni, accademia, società e cultura per una crescita sostenibile e responsabile.

afferma Donatella Sciuto, Rettrice del Politecnico di Milano.


Progetto “Salone-come-ecosistema”

Il progetto di ricerca “Salone-come-ecosistema” intende indagare in chiave scientifica un fenomeno unico al mondo: la Settimana del Design di Milano. L’iniziativa è promossa da Federlegno Arredo Eventi - Salone del Mobile.Milano, e realizzata dal Dipartimento di Design, in collaborazione con la Scuola del Design e con il Comune di Milano.

Attraverso una chiave interpretativa originale, la ricerca ambisce ad approfondire il fenomeno nella sua portata socioeconomica sul territorio (in termini di impatto ma anche di legacy), attraverso la raccolta e l’analisi di nuovi indicatori, oltre che tramite riflessioni collettive e plurali degli stakeholder attivi sulla scena.

Questa prima operazione, svolta nel corso del 2024, porrà le basi per un futuro Osservatorio del Salone del Mobile, una piattaforma di ricerca permanente dedicata ad identificare opportunità e sfide che interessano Salone del Mobile.Milano e la città.

L’Osservatorio informerà le future decisioni riguardanti la Settimana del Design, per renderla più sostenibile, inclusiva e dialogante con Milano e le sue attuali politiche. L’indagine si avvarrà di una metodologia di ricerca mista, basata su analisi di basi dati eterogenee fornite da soggetti privati e pubblici, un processo di coinvolgimento degli stakeholder della Settimana del Design ed un’attività di monitoraggio e osservazione condotta dalla Scuola del Design. I risultati verranno raccolti in un report finale dal format divulgativo, la cui pubblicazione è prevista per la fine dell’anno.

Salone-come-ecosistema è unico al mondo e vanta molti tentativi di imitazione. È un fenomeno corale che coinvolge attori e risorse per creare, ogni anno, nuova conoscenza su tecnologie, stili, comportamenti, espressioni della bellezza. Il Politecnico, con un approccio metodologico e un’attitudine design driven, vuole mettere a sistema dati e informazioni e innescare, orientandole, conversazioni tra stakeholder, per conoscere meglio il fenomeno al fine di aiutare gli operatori e le istituzioni, in primis il Salone stesso, ad accrescere sostenibilità e bellezza dello stesso.

hanno commentato i professori Stefano Maffei e Francesco Zurlo, responsabili della ricerca.

Immagini su gentile concessione di Salone del Mobile.Milano. Foto di AM Andrea Mariani