04.06.201916:08

DISFIDA: gli studenti al servizio del no-profit e della disabilità

Il corso Passion in Action per lo sviluppo di progetti per l’inclusione sociale


DISFIDAgli studenti POLIMI al servizio del no-profit e della disabilità per l’inclusione sociale, è uno dei corsi Passion in Action, organizzati nell’ambito delle attività di didattica innovativa extracurricolare del Politecnico di Milano, già alla sua seconda edizione. Il corso è stato coordinato dalla prof.ssa Alessandra Pedrocchi, insieme ai colleghi prof. Gianfranco Fiore e prof.ssa Maria Gabriella Signorini, del Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria.

Il corso nasce dal presupposto che siano radicati nella natura umana l’esigenza e il desiderio di interessarci degli altri. Questa è la ragione per cui tanti di noi donano il proprio tempo in attività di volontariato. Essere studenti del Politecnico può dare un valore più professionale a questo dono.

Durante il corso, squadre di studenti volontari, in tutto circa 40 studenti di differenti corsi di studio dell’Ateneo, si sono sfidate nello sviluppo di progetti in risposta a bisogni presentati da alcuni enti no profit: l’Associazione I Gigli del Campo, AICCA – l’Associazione Italiana dei Cardiopatici Congeniti Adulti e dal Centro Sclerosi Multipla dell’Ospedale San Camillo-Forlanini, in collaborazione con EUPATI (European Patients’ Academy).

L’obiettivo è formare gli studenti con l’esperienza sul campo e far loro sviluppare una progettualità incentrata sull'utilizzatore, in cui valorizzare in modo concreto le competenze proprie della loro formazione universitaria e le soft skills.

Le squadre hanno avuto sei settimane di lavoro con i tutor e i docenti – un appuntamento a settimana – per preparare il progetto.

All’evento finale, sono stati presentati, di fronte a una platea in cui erano presenti rappresentanti delle associazioni, del mondo industriale, del mondo clinico e dell'Ateneo, i risultati ottenuti e premiate le squadre vincitrici della sfida. Il Technology Transfer Office (TTO) dell’Ateneo ha offerto alle squadre vincitrici come premio lo studio della brevettabilità di quanto da loro proposto e un affiancamento per il possibile trasferimento industriale delle loro idee.

L’entusiasmo e la passione degli studenti e l’intelligenza delle proposte messe a punto ha reso molto difficile il lavoro della giuria, che ha insignito i premi dell’edizione 2019 ai seguenti progetti:

ORDER AND PICK APP LILY MARKET, progetto proposto e svolto insieme a Associazione Gigli del Campo. Squadra: BIOTEAM, composta da Ilaria Anita Cintorrino, Claudia Salerni, Maria Chiara Sbarra e Andrea Stanisci

Soluzione economica e portatile per la riabilitazione di pazienti affetti da Sclerosi Multipla, progetto proposto e svolto insieme al Centro San Camillo. Squadra: Aequus, composta da Matteo Bistoni; Manuel Carzaniga, Federica Ferrari e Lorenzo Gualniera 

Tecnoarterapia, progetto proposto e svolto insieme a AICCA. Squadra vincente: Pupazzo del cuore, composta da Marta Puricelli, Ilaria Riccio, Antonella Ciamillo, Tiziana Camboni