11.09.201813:30

Primi in Italia nel QS Graduate Employability

36° posto al mondo nella classifica internazionale che valuta la spendibilità del titolo di studio nel mondo del lavoro


Il Politecnico di Milano cresce ancora nel QS Graduate Employability 2019, la classifica che valuta la spendibilità del titolo di studio. Quest’anno saliamo dal 39° al 36° posto al mondo, rimanendo saldamente la prima università italiana posizionata nel ranking.

Gli indicatori su cui si basa la classifica generale sottolineano il risultato straordinario raggiunto dal nostro ateneo.

Abbiamo ottenuto il punteggio massimo nel "Graduate Employment Rate", il rapporto tra gli studenti occupati a 12 mesi dalla laurea rispetto a quelli in cerca di lavoro; risultato che ci porta al secondo posto al mondo in questo specifico indicatore. Ottimo risultato anche alla voce “Partnerships with Employers per Faculty”, il numero di aziende che hanno collaborazioni attive con l’università per la ricerca e per il placement, con 99 punti su 100.

Il dato più interessante è quello relativo alla "Employer Reputation" che premia l’ateneo posizionandolo al 46° posto al mondo fra le migliori istituzioni in termini di competenza e innovazione dei propri laureati. Quest’ultimo indicatore è basato sulle risposte di 40.000 employers nel mondo che hanno identificato le migliori istituzioni accademiche.

Il ranking conferma la presenza di partnership solide con il mondo delle imprese non solo dal punto di vista delle opportunità occupazionali, ma anche dal punto di vista della ricerca e della didattica innovativa, capaci di intercettare e soddisfare le tendenze internazionali. Una strategia in cui ha un ruolo importante anche il rapporto con gli Alumni, che sta creando un terreno fertile su cui crescere ancora.