03.08.201815:05

Primi per finanziamenti alla ricerca


Oltre 100 milioni di euro in quattro anni per 234 progetti. Primi anche per numero di ERC, con ben 23 progetti.

Il Politecnico di Milano è la prima università italiana per finanziamenti alla ricerca nell’ambito di Horizon 2020, il più grande programma di ricerca e innovazione della Commissione Europea.

Oltre 100 milioni di euro in quattro anni e mezzo, investiti in 234 progetti che spaziano dai big data per la diagnosi del cancro ai sistemi di smart manufacturing, dalla fotonica per il monitoraggio del trauma cerebrale agli edifici intelligenti. La ricerca risponde sempre più ai bisogni del cittadino, alla richiesta di innovazione delle imprese e al desiderio di crescita delle future generazioni

Il Politecnico è primo in Italia tra le università anche per il numero di ERC, i progetti eccellenti premiati dalla Commissione Europea per la capacità di distinguersi in ambiti di frontiera: sono ben 23, con un valore complessivo di 26 milioni di euro. Di questi, 3 progetti sono di giovanissime ricercatrici che hanno scelto di rientrare in Italia e di svolgere al Politecnico le loro ricerche, confermando la capacità dell’ateneo di attrarre risorse e talenti e di poter competere a livello internazionale.

Nel confronto con le università straniere, il Politecnico di Milano risulta al 12° posto per progetti finanziati da Horizon 2020. È 20° se allarghiamo a tutti gli enti partecipanti al programma di ricerca, che sono oltre 26.000 da tutto il mondo. Una riconferma del ruolo da protagonista svolto negli ultimi dieci anni con oltre 500 progetti finanziati (7PQ + H2020) per un totale di circa 198 milioni di euro. Uno stimolo importante in vista di Horizon Europe, il prossimo programma di finanziamento alla ricerca.