21.06.201809:00

Compasso D'Oro al Politecnico

Oltre al premio più ambito, 5 menzioni d’onore, 2 premi Targa Giovani e 4 attestati di merito


Ottimo risultato del Politecnico di Milano all’edizione 2018 del Compasso d’Oro ADI, la cui premiazione ha avuto luogo il 20 giugno a Milano..

Tra i 19 progetti presentati dal nostro Ateneo, è stato “CampUS – incubazione e messa in scena di pratiche sociali” ad aggiudicarsi il premio più ambito. CampUS è un progetto di ricerca applicata per favorire la realizzazione di servizi per due categorie di utenza debole, i NEET (Not in Education, Employment or Training) e gli Over65, con l’obiettivo di acquisire competenze e consolidare un ruolo sociale attivo per i soggetti coinvolti. Le azioni hanno avuto ricadute sul territorio della Zona 9 nel Comune di Milano dopo un periodo di incubazione nel campus Bovisa. Il progetto di co-design ha sviluppato: orti condivisi in spazi pubblici e istituti scolastici; una Social TV di quartiere che ha prodotto videoclip e un format web sulla cultura hip-hop; un Padiglione Adattabile Autogestito Itinerante (PAAI) per azioni di cultura/teatro/sport; un modello di sostenibilità economica per le varie iniziative. Sono state coinvolte 40 associazioni locali e più di 2.000 partecipanti.

Designers: Davide Fassi, Francesca Piredda, Pierluigi Salvadeo, Elena Perondi

Committente: Politecnico di Milano – Polisocial Award

Il progetto è stato finanziato grazie a Polisocial Award 2014, il programma di impegno e responsabilità sociale del Politecnico di Milano con il sostegno del 5x1000.

 

Ad altri cinque nostri progetti, la giuria internazionale ha conferito una menzione d’onore:

“WeMi – La città per il welfare”, il servizio innovativo che offre a tutti i cittadini del Comune di Milano la possibilità di accedere in maniera semplice al nuovo sistema dei servizi al domicilio per la cura e il benessere e di conoscere chi li eroga, facilitando la relazione con gli enti del Terzo Settore accreditati.

Designers: Valeria Bucchetti, Umberto Tolino, Paolo Panzuti Bisanti, Pamela Visconti – Dipartimento di Design

Committente: Comune di Milano, Assessorato politiche sociali, salute e diritti

 “Design è traduzione. Il paradigma traduttivo per la cultura del progetto”. Il libro costituisce l’esito di una ricerca che esplora gli scenari emergenti del Design della Comunicazione a partire dall’ambito dei Translation Studies, che affrontano l’analisi teorica e le possibilità applicative dei processi traduttivi e interpretativi. Alla pubblicazione sono seguiti una serie di pubblici incontri e seminari.

Autori: Giovanni Baule, Elena Caratti

Editore: Politecnico di Milano – Dipartimento di Design

Punto Design - Trentino Innovation Factory, programma che propone un insieme di azioni finalizzate alla sperimentazione di una design policy specificamente concepita per la Provincia di Trento. 

Designer: Dipartimento di Design

Committente: Trentino Sviluppo 

The White Book, pubblicazione che riassume quattro anni di ricerca per lo sviluppo di soluzioni inedite nella combinazione di due famiglie di materiali emergenti: piezoelettrici a matrice plastica e OLED flessibili.

Edited by Claudio Dell’Era, Stefano Magistretti, Menno van Rijn, Erik Tempelman, Roberto Verganti, Asa Oberg – Dipartimento di Ingegneria Gestionale

Committente: Commissione Europea

"ATROPOS", una stampante 3D robotizzata in grado di stampare materiali compositi caricati a fibra continua.

Designer: Gabriele Natale, Marinella Levi, Michele Tonizzo – Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica “Giulio Natta”

Committente: +LAB – Politecnico di Milano


Per la Targa Giovani, sezione dedicata a progetti realizzati dai giovani nelle scuole universitarie di design italiane, i nostri studenti hanno ricevuto 2 premi e 4 attestati di merito.

 

Premi

“Dissalatore di emergenza” da posizionare sui giubbotti di salvataggio in dotazione alle imbarcazioni, che depura l’acqua di mare dal sale e la rende potabile in condizioni di emergenza dopo un naufragio. Tesi di laurea di Andrea Matteo Valensin.

“Rocky”, uno speciale sistema riabilitativo, pensato per recuperare la funzionalità della mano nei pazienti che hanno subito un ictus: un guanto che consente una terapia sia passiva che attiva. Tesi di laurea magistrale di Ludovica Zengiaro.

Attestati di merito

“Home”, un distributore domestico che permette di produrre, comprimere, stoccare ed erogare idrogeno gassoso ad alta pressione nelle auto predisposte per questo tipo di alimentazione. Tesi di laurea di Marco Quamori Tanzi.

“Out/Smart”, che esplora il rapporto tra umani e tecnologia costruendo una comunità online attivista e indipendente che supporta un crowdsourcing di idee per identificare e sfruttare le debolezze insite nelle tecnologie. Tesi di laurea magistrale di Pietro Duchi.

“PAM|MAP”, un progetto di raccolta e condivisione di dati sulla qualità dell’acqua dei fiumi ai fini di ricerca e monitoraggio ambientale, che vede coinvolti i pescatori a mosca, secondo un modello di crowdsourcing. Tesi di laurea magistrale di Edoardo Gualfetti.

“Prometeo”, un dispositivo per il trasporto epatico. Una sintesi tra la protezione e tracciabilità di un contenitore per il trasporto organi e la tecnologia di perfusione, in grado di mantenere in vita l’organo al di fuori del corpo umano. Tesi di laurea magistrale di Gabriele Faoro.